chi siamo

l’idea di “protocolli emozionali” nasce da una riflessione.

Impariamo ad emozionarci solo cosi metteremo un pò di peperoncino nella nostra vita.

EMOZIONIAMOCI per EMOZIONARE

alcuni temi da sviluppare:

Nuove frontiere per la formazione:
  • campus per l’orientamento, organizzare soggiorni estivi almeno prima della scelta della istruzione superiore e prima della scelta universitaria per stimolare le capacita’, far emergere il talento dei ns ragazzi, incoraggiarli, non reprimerli con le facolta’ a numero chiuso.
  • Che Committente sei: Test che aiuti i futuri partner utente / fornitore di servizi a capirsi………troppe le sfumature che se non comprese sfociano in rapporti conflittuali
  • Nuovi percorsi universitari “ragiometra”
  • Percorsi multidiciplinari “il buon senso di un oca”
Nuove frontiere per l’arte:
  • Qualsiasi forma va tutelata, protetta e favorita non repressa
Nuove frontiere per il fisco:
  • Premi ai contribuenti;
  • Anno sabbatico;
  • Patti chiari prima;
  • Chi paga le tasse e instaura un processo virtuoso e trasparente va premiato;
  • Pagare le tasse deve essere un vanto non una vergogna;
Nuove frontiere per abitare:
  • Troppo spesso non si costruisco case per “vivere” ma “mausolei”
  • Non case per te adesso, ma per gli altri, per i figli, per lo status, perche’ così fan tutti!
Nuove frontiere per l’informatica:
  • Amo il computer e le sue potenzialità’ ma e’ una macchina e non trasmette emozioni ( a parte il possesso di un mac…ma questo e’ un  capitolo a parte). Oggi il calcolo strutturale di un edificio, in base all ultime normative viene elaborato da un software……400/500 pagine di numerini illeggibili ed un responso verifica, non verifica. Non di rado escono elaborati in cui la sezione del cls non contiene il ferro, l’ingegnere di mezza eta’ memore di quando calcolava a mano, dall’ alto della  sua esperienza, della trascorsa vita in cantiere, apporta le debite correzioni e se ne assume la responsabilita’ andando avanti, i ns futuri ingegneri senza memoria storica cosa faranno??? A cosa serve essere ingegnere se poi il calcolo e demandato ad un softerista??? Il computer deve rimanere uno strumento non deve sostituire l’uomo, la sua sensibilità, la sua esperienza; Il prodotto che esprime il software deve essere leggibile. Provate a paragonare un calcolo statico di oggi ed un calcolo statico degli anni 80…..un frazionamento di oggi……e del 1980, una contabilità’ oggi ed una del 1960….qui addirittura  arrossireste. Leggete un Piano per la Sicurezza oggi, 150 pagine che tutti gettano in un cassetto……va bene una lunga chek list di promemoria  in input….ma l’output deve essere sintetico e leggibile.
  • “Sicurezza Emozionale” il rispetto per se e gli altri e’ un fatto prima di tutto culturale e comportamentale nessuna norma potrà sostituirsi alla forza di processi emozionali.
  • La mail il computer ci permette di non stampare……….ma quando scrivevamo a mano una regolata ce la davamo……….oggi ci diciamo “pensaci prima di stampare, stai abbattendo un albero” ……poi stampiamo e abbattiamo foreste……al cui posto scorre fiumi di inchiostro e cartucce in plastica.
  • Software senior frendly
Nuove frontiere del comportamento:
  • Rispetto
  • Parola
  • Fiducia
  • Valori
Negli anni 80 se parlavi con una persona l’emozione di base era: ho davanti una brava persona;
OGGI: cosa vuole questo…..dove mi sta fregando………questa percezione non e’ cambiata a caso, e’ un fatto; le brave persone sono sempre meno ma CI SONO , se perdiamo la parola, la fiducia, il rispetto, il……….ragazzi non c’e’ futuro!
vogliono dar di intendere che essere gentili, educati, gioiosi, positivi, rende noiosi, scontati……essere troppo servizievoli, compiacenti, stucchevoli….ci banalizza……invece sono sicuro che ciò se creduto e praticato senza intenti manipolatori e’  la vera forza del genere umano PROBABILMENTE NON TUTTI MERITANO LO STESSO COMPORTAMENTO, ma piuttosto che cambiare , finche’ potrò cercherò di aiutare gli altri a scoprire questa dimensione. non mi stancherò mai di migliorare i miei comportamenti , affinché’ il mio impegno possa essere percepito dalla maggioranza delle persone con cui mi intreccio….gli altri pensino pure altro, non e’ un mio problema, e’ fisiologico!

2 + 2 = 5 if your mind want it

Annunci

Un pensiero su “chi siamo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...